0585 787963

Il settore ha prodotto saldo commerciale di oltre 1,5 miliardi di euro: +10% sul 2012. Aumentano le esportazioni dei marmi lavorati (+4,4% in quantità e +10,6% in valore). Mercato USA ancora in forte crescita: +22% in quantità e +27,5% in valore

Carrara, 14 marzo 2014

Nel corso del 2013 l’Italia ha esportato 4.271.962 di tonnellate di materiali lapidei (marmi e graniti, travertini e pietre, grezzi e lavorati) per un valore complessivo di 1.932.320.029 euro, con una crescita in quantità del +2,24% e un aumento del +6,73% in valore (Tavola 1).

Lo rende noto l’Internazionale Marmi e Macchine Carrara che, con il suo ufficio studi, elabora sistematicamente i dati forniti dall’Istat confrontandoli con la serie storica e con i risultati di ricerche congiunturali e approfondimenti mirati per individuare eccellenze e potenzialità del comparto a livello nazionale e internazionale.

 

Tavola 1   ITALIA – TUTTI I PAESI EXPORT
  2012 2013 diff. % 2013/2012
Gennaio-Dicembre 2012-2013 Tonn Euro Tonn Euro % Q.ta’ % Val.
MARMO BLOCCHI E LASTRE 1.379.794 305.079.394 1.415.594 331.303.793 2,59 8,6
GRANITO BLOCCHI E LASTRE 158.792 40.928.420 151.235 39.985.495 -4,76 -2,3
MARMO LAVORATI 885.119 815.221.431 924.425 901.681.362 4,44 10,61
GRANITO LAVORATI 599.101 548.785.330 583.445 558.378.765 -2,61 1,75
ALTRE PIETRE LAVORATI 147.989 34.256.168 136.369 33.159.009 -7,85 -3,2
SubTOT Blocchi, Lastre e Lavorati 3.170.795 1.744.270.743 3.211.067 1.864.508.424 1,27 6,89
GRANULATI E POLVERI 993.520 56.911.325 1.047.196 58.499.953 5,4 2,79
SubTOT con Granulati e Polveri 4.164.315 1.801.182.068 4.258.263 1.923.008.377 2,26 6,76
ARDESIA GREZZA 3.908 1.902.452 3.613 1.714.203 -7,55 -9,9
ARDESIA LAVORATA 9.252 6.775.473 9.278 7.031.585 0,29 3,78
PIETRA POMICE 784 561.281 807 565.864 2,97 0,82
Totale 4.178.259 1.810.421.274 4.271.962 1.932.320.029 2,24 6,73

FONTE ISTAT; Elaborazioni IMM Carrara

Dalla lettura delle statistiche nazionali emerge che il valore medio unitario dell’export di settore è pari a 452,3 euro per tonnellata, in crescita rispetto al 2012 del +4,4%. Considerando i soli materiali di pregio (che comprende marmi e graniti in blocchi, lastre e lavorati), il valore medio unitario è di 580,6 euro per tonnellata con una crescita del +5,5%. Il risultato è da attribuire in particolare all’aumento significativo dell’export di lavorati di marmo che ha segnato un +4,4% in quantità e un +10,6% in valore. Nel 2013 l’Italia ha esportato 924.425 tonnellate di lavorati di marmo per un valore complessivo di 901,6 milioni di euro, tornando ai valori dei primi anni 2000 (vedi grafico).

Continua a crescere anche l’export di marmo in blocchi e lastre sia in quantità che per valore con 1,4 milioni di tonnellate  blocchi e lastre di marmo del valore complessivo di 331 milioni di euro, segnando un +2,6% in quantità e un + 8,6% in valore rispetto al 2012.

“Sono dati indubbiamente positivi e, per alcuni mercati, come quello degli Stati Uniti, particolarmente eclatanti soprattutto se valutati alla luce di un 2013 non certo esaltante per l’economia nazionale. Il settore della pietra naturale – commenta il presidente di IMM Carrara, Fabio Felici – presenta un dato in controtendenza perché è caratterizzato da una capacità autonoma delle aziende di agire sui mercati internazionali grazie alla disponibilità di materiali unici come il marmo e alla qualità della struttura di trasformazione che dispone di elevatissime qualità professionali e di forti relazioni commerciali con la committenza più qualitativa. L’augurio degli operatori è che al trend positivo dei mercati esteri si possa affiancare presto la ripresa del mercato interno che, ormai da tempo, sconta in maniera evidente le difficoltà dell’economia nazionale e il sostanziale blocco dell’edilizia. Avremo modo di riflettere su questi elementi, peraltro molto complessi, nel corso della prossima Carrara Marmotec che si terrà dal 21 al 24 maggio con un programma di convegni molto articolato che prevede anche la presentazione di Stone Sector la pubblicazione annuale di statistiche curata da Internazionale Marmi e Macchine dalla quale, anche attraverso i dati dell’interscambio fra i singoli paesi, si potranno comprendere sia le dinamiche in atto sia quelle emergenti”.

 

Grafico valori export lavorati: Fonte ISTAT, Elaborazioni IMM Carrara

Per le esportazioni di granito è proseguito anche nel 2013 il trend negativo per le quantità mentre si riscontra un aumento dell’1,75%  del valore dell’export dei lavorati che hanno toccato i 558,4 milioni di euro. Il primo mercato di sbocco per il lapideo italiano è quello statunitense che nel 2013 ha assorbito 231.321 tonnellate di materiali di pregio per un valore complessivo di quasi 363 milioni di euro, con una crescita rispetto al 2012 del +22% in quantità e, addirittura, del +27,5% in valore (Tavola 2).

 

Tavola 2;   ITALIA – USA EXPORT
  2012 2013 diff. % 2013/2012
Gennaio-Dicembre 2012-2013 Tonn Euro Tonn Euro % Q.ta’ % Val.
MARMO BLOCCHI E LASTRE 3.551 3.775.865 3.771 3.930.282 6,19 4,09
GRANITO BLOCCHI E LASTRE 1.296 1.366.143 1.415 1.480.103 9,14 8,34
MARMO LAVORATI 105.028 168.826.591 129.607 220.278.555 23,4 30,48
GRANITO LAVORATI 79.401 110.178.847 96.168 136.642.502 21,12 24,02
ALTRE PIETRE LAVORATI 325 280.798 361 372.042 11,2 32,49
SubTOT Blocchi, Lastre e Lavorati 189.601 284.428.244 231.321 362.703.484 22 27,52
GRANULATI E POLVERI 3.157 824.667 2.668 788.183 -15,49 -4,42
SubTOT con Granulati e Polveri 192.758 285.252.911 233.990 363.491.667 21,39 27,43
ARDESIA GREZZA 21 17.191 0 0 -100 -100
ARDESIA LAVORATA 493 443.803 456 457.033 -7,54 2,98
PIETRA POMICE 0 0 2 13.069 0 0
Totale 193.272 285.713.905 234.448 363.961.769 21,3 27,39

Fonte ISTAT, Elaborazione IMM

Risulta invece in calo l’export verso la Germania che, pur rimanendo il primo mercato di sbocco per i volumi (217,5 mila tonnellate di materiali di pregio per 150 milioni di euro) presenta, rispetto al 2012, una riduzione delle sue importazioni dall’Italia del -10,5% sia in quantità che valore e sembra rivolgersi sempre di più al colosso cinese.

Terzo mercato per la pietra italiana è la Cina verso la quale sono state esportate oltre 533 mila tonnellate di materiali di pregio del valore di 134 milioni di euro (di cui 107 milioni di marmo in blocchi e lastre)  con una crescita, rispetto al 2012, dell’8,2% in quantità e 12,8% in valore.

Il panorama dell’export vede la conferma delle vendite italiane in Nord-Africa dove sono in netta ripresa Tunisia e Libia. Nel 2013 l’Africa Settentrionale ha assorbito 450,6 mila tonnellate di materiali di pregio del valore di 93,5 milioni di euro e con una crescita del +2,3% in quantità e del +15,5% in valore rispetto all’anno precedente.

Risulta in crescita anche l’export verso il medio-oriente con 469,6 mila tonnellate di marmi e graniti italiani per 255,5 milioni di euro con una crescita del +3,7% in quantità e +10,3% in valore. Spicca il Qatar verso il quale i valori dell’export sono quasi triplicati passando dai 17 milioni del 2012, ai 49 milioni del 2013 mentre le quantità sono quasi raddoppiate passando dalle 24,6 mila tonnellate ad oltre 48mila.

Molto diversa la situazione dell’import che ha fatto registrare un calo rispetto al 2012.

Infatti, nel 2013, l’Italia ha importato 1.390.880 tonnellate di materiali lapidei (soprattutto grezzi) per un valore di  373.564.569 euro, segnando una diminuzione, rispetto al 2012, del -6,67% in quantità e -5,42% in valore (Tavola 3). Tale calo è in particolar modo dovuto alla riduzione delle importazioni di granito grezzo, che costituiscono ancor oggi circa la metà del valore dell’import di settore ma che, ormai da alcuni anni, presentano un trend decrescente riflettendo una crisi del comparto del granito ulteriormente evidenziata dalla specializzazione sempre più marcata del settore verso i lavorati in marmo. Lo conferma anche la crescita delle importazioni di marmo in blocchi e lastre sia in quantità (+0,9%) sia in valore (+5,3%), acquistate prevalentemente da Turchia, Croazia e Namibia. La Turchia, nel 2013, ha fornito oltre 29 mila tonnellate di marmo in blocchi e lastre per 9 milioni di euro, con una crescita del +3% in quantità e +5,7% in valore. Sono in forte crescita le importazioni di calcarei dalla Croazia e dalla Namibia. Dalla Croazia sono arrivate quasi 60 mila tonnellate di marmo per un valore di 8,6 milioni di euro: +54% in quantità e +47,5% in valore mentre dalla Namibia l’Italia ha importato oltre 15 mila tonnellate di marmo in blocchi e lastre (+30%) del valore di 8,2 milioni di euro (+37,3%).

 

Tavola 3   ITALIA – TUTTI I PAESI IMPORT
  2012 2013 diff. % 2013/2012
Gennaio-Dicembre 2012-2013 Tonn Euro Tonn Euro % Q.ta’ % Val.
MARMO BLOCCHI E LASTRE 317.628 80.312.754 320.445 84.578.155 0,89 5,31
GRANITO BLOCCHI E LASTRE 726.103 175.711.770 666.160 168.689.525 -8,26 -4
MARMO LAVORATI 77.750 36.204.827 74.361 37.757.121 -4,36 4,29
GRANITO LAVORATI 143.664 61.902.457 129.801 53.370.063 -9,65 -13,78
ALTRE PIETRE LAVORATI 94.010 14.140.190 73.008 10.322.228 -22,34 -27
SubTOT Blocchi, Lastre e Lavorati 1.359.155 368.271.998 1.263.775 354.717.092 -7,02 -3,68
GRANULATI E POLVERI 55.924 7.744.241 51.051 4.463.909 -8,71 -42,36
SubTOT con Granulati e Polveri 1.415.078 376.016.239 1.314.826 359.181.001 -7,08 -4,48
ARDESIA GREZZA 52.330 7.253.360 54.390 6.993.361 3,94 -3,58
ARDESIA LAVORATA 17.136 10.312.288 14.945 5.961.320 -12,78 -42,19
PIETRA POMICE 5.789 1.382.896 6.719 1.428.887 16,06 3,33
Totale 1.490.333 394.964.783 1.390.880 373.564.569 -6,67 -5,42

Fonte ISTAT, Elaborazioni IMM

Tavole e statistiche possono essere riprodotte o pubblicate solo citando la fonte

Internazionale Marmi e Macchine Carrara spa – Viale G. Galilei, 133 – Carrara – www.immcarrara.com

Ufficio Stampa Lorenzo Marchini – tel +39 0585 787963 l.marchini@immcarrara.com

Commenti recenti

    -->